Twiplomacy 2.0: Rise of E-diplomacy and Future of Communications all’Ambasciata d’Italia a Washington

Washington, 18 ottobre 2012 – In che modo le nuove tecnologie stanno cambiando la diplomazia e le dinamiche delle relazioni internazionali? Alcuni tra i maggiori esperti americani faranno il punto lunedì 22 ottobre alle 10:30 all’Ambasciata d’Italia a Washington nel corso del seminario “Twiplomacy 2.0: the Rise of E-diplomacy and the Future of Communications”. All’evento, che sarà aperto dall’Ambasciatore d’Italia a Washington, Claudio Bisogniero, interverranno Alec Ross, Consigliere per l’Innovazione del Segretario di Stato Hillary Clinton, David Ignatius, noto editorialista del Washington Post, Ahmed Shihab-Edin, conduttore di HuffPostLive, e Deborah Seward, responsabile della Comunicazione Strategica presso le Nazioni Unite.

L’iniziativa fa seguito alla tavola rotonda “Twiplomacy” presieduta dal Ministro degli Esteri Giulio Terzi a Torino lo scorso 14 giugno, che si era concentrata sulla diplomazia nell’era di Twitter. Il focus del seminario di lunedì sarà sul ruolo della “diplomazia elettronica” nel mondo, sulle sue implicazioni geopolitiche e su come i nuovi strumenti di comunicazione stiano cambiando il modo in cui governi, opinione pubblica e società civile interagiscono tra loro.

Il seminario servirà anche a lanciare la nuova piattaforma social media dell’Ambasciata a Washington: un nuovo minisito farà da interfaccia unica per gli account Twitter dell’Ambasciatore Bisogniero (@CBisogniero), dell’Ambasciata (@ITALYinUS) e per tutti gli altri account Twitter, Facebook, Flickr, Youtube e i blog attivati dalla Farnesina, dall’Ambasciata e dai Consolati italiani negli Stati Uniti allo scopo di fornire informazioni al pubblico sempre più rapide e immediate e di promuovere al meglio l’immagine dell’Italia. La piattaforma servirà anche a valorizzare le numerose iniziative organizzate per il “2013 – Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti”.

Il dibattito potrà essere seguito on-line su Twitter utilizzando l’hashtag #Twiplomacy. Ulteriori informazioni disponibili sul sito http://www.twiplomacy.it/dc.