Sostenibilità alimentare: oltre 100 esperti all’Ambasciata d’Italia a Washington. Ferrero presenta il suo Corporate Social Responsibility Report

Washington, 11 ottobre 2012 – Oltre cento esperti da think-tank, università, aziende, associazioni di categoria, Banca Mondiale e Banca Interamericana di Sviluppo si sono riuniti oggi all’Ambasciata d’Italia a Washington assieme a diplomatici, giornalisti e bloggers  per una tavola rotonda sul tema della sicurezza alimentare. L’incontro, moderato dalla giornalista Juliet Eilperin del Washington Post, ha visto la partecipazione dell’Ambasciatore Francesco Paolo Fulci, Presidente di Ferrero SpA, del Presidente dell’Earth Policy Institute Lester Brown e del Direttore scientifico del WWF Italia Gianfranco Bologna.

A fare gli onori di casa l’Ambasciatore italiano a Washington, Claudio Bisogniero, il quale si è soffermato sulle sfide poste dalla pressione demografica alla sostenibilità alimentare e sui profondi cambiamenti in atto, a cominciare dall’andamento dei prezzi dei prodotti alimentari di base, spesso caratterizzati da una volatilità accentuata, senza precedenti. “Tematiche che – ha ricordato l’Ambasciatore – saranno anche al centro di EXPO Milano 2015”.

A sottolineare come l’obiettivo della sicurezza alimentare non possa prescindere da un coinvolgimento attivo e sistematico del settore privato, l’Ambasciatore Fulci ha presentato il Corporate Social Responsibility Report 2011 di Ferrero, il rapporto sulla strategia globale di sostenibilità perseguito dal Gruppo nel periodo 2010 – 2011, che contiene anche gli obiettivi da raggiungere entro il 2020. Il documento, giunto alla sua terza edizione, è stato redatto sulla base dei parametri della Global Reporting Initiative, ottenendo il più alto livello di rendicontazione confermato dalla dichiarazione GRI e corrispondente alla lettera A+.

Nella stessa occasione Lester Brown ha presentato il suo libro “Full Planet, Empty Plates – The New Geopolitics of Food Scarcity”, pubblicato di recente e dedicato alla sostenibilità alimentare e alla necessità di adottare adeguate politiche a livello globale per mitigare il problema della scarsità di cibo nei prossimi decenni.